Ricomincio da qui.. è proprio il titolo adatto! Non scrivo sul mio sito da diversi mesi… è da un po’di tempo che ci penso e ho deciso di riprendere da dove avevo lasciato… avevo scritto che avrei fatto un viaggio per raggiungere il mio compagno a Miami per passare insieme le vacanze natalizie negli States… tornati avrei voluto raccontarlo, le idee erano tante, forse troppe, ma non è mai troppo tardi per farlo, quindi lo farò ora!

In quest’anno ho viaggiato parecchio, come dice la mia mamma “sei la ragazza con il trolley sempre pronto!” e probabilmente ha ragione! Io che non amo i cambiamenti, ma che ho imparato ad apprezzarli perché solo facendo così posso vivere ogni minimo momento passato con le persone alle quali tengo veramente!

Descrivere il mio viaggio a parole è un po’ complicato… penso che niente più delle foto possa far viaggiare con il pensiero chi leggerà questo articolo, le sensazioni provate e la bellezza di passare il Natale in riva al mare non si può descrivere…sì, in riva al mare, mentre guardi il tramonto e bevi un mojito! Adoro l’estate e passare il Natale al caldo non ha prezzo! Fosse per me lo farei tutto l’anno, ma probabilmente vivo nel posto sbagliato! 🙂

Sono arrivata a Miami due giorni prima di Natale e devo ammettere che il jet lag mi ha fatto compagnia per le prime 36 ore, ma essendo in un posto nuovo visto solo in tv nei documentari e in qualche serie tv non mi è pesato più di tanto. La prima cosa che ho visto dopo parecchie ore di aereo è stato questo… finalmente non più solo mare, ma terra!

1.2-arrivo-miami-.jpg

Il nostro hotel era a Miami Beach quindi i primi giorni l’abbiamo visitata, abbiamo apprezzato il mare, un po’ meno i gabbiani dispettosi, la favolosa passeggiata piena di persone che facevano sport, i negozi aperti anche il giorno di Natale dove potevi acquistare una marea di oggetti particolari, i ristoranti sudamericani dove poter mangiare il giorno di Natale sulla Lincoln Road, i finti ristoranti italiani che mettono l’aglio ovunque come se ci trovassimo in Francia, i tassisti Uber che non capivano l’inglese a Miami, un paradosso, ma riuscivano a capire l’italiano, i numerosi locali dove far colazione con una montagna di pancakes su Ocean Drive…ma la parte migliore di Miami Beach a parte i numerosi hotel di Ocean Drive è senza dubbio la spiaggia immensa e i grattacieli che sono a ridosso di questa…

1.3-miami-beach.jpg

Il monumento che nessuno si aspetterebbe di vedere in America è quello dedicato all’Olocausto: è di grande impatto vedere una mano che sbuca da un laghetto artificiale sulla quale sono presenti sculture di uomini magrissimi… entrare in questo luogo con ai lati scritti sul marmo i nomi dei defunti morti nei campi di concentramento. Qualche mese prima ero stata a Praga dove c’è il quartiere ebraico e l’impatto era stato completamente diverso.

1.4-olocausto.jpg

Le grandi scoperte del nostro viaggio sono state senza dubbio due grandi quartieri: il primo è Downtown con i suoi favolosi grattacieli, i corsi d’acqua tra questi, cammini a bocca aperta, riesci anche ad incontrare uno scoiattolo e a sorseggiare un ottimo espresso in un bar dove puoi bere qualsiasi tipo di caffè!

1.5-downtown.jpg

L’altra grande scoperta è stato il quartiere di  Winwood dove respiri arte, libertà e tanto colore! Capisci che lì il sogno americano esiste! Ci sono piazze dove trovi cibo da asporto, artigiani che con le loro mani creano degli oggetti fantastici, ma se pensi di aver visto tutto devi aspettare di arrivare ai Winwood Walls, arte pura! C’è attualità, tecnica e colore, mi sembra di essere ripetitiva, ma è proprio questo quello che mi ha colpito!

1.6-winwood.jpg

Se si va a Miami non si può non andare a visitare le Isole Keys! Purtroppo noi siamo andati a dicembre ’17 quindi molte spiagge erano chiuse e c’erano ancora molte macerie lungo la strada per arrivare a Key West, una cittadina che sembra ferma nel passato, ma dalla quale si può vedere il saluto al tramonto più bello che abbia mai visto! Camminando per la città puoi incontrare i famosi gatti di Hemingway a 6 dita, dei galli che girano liberi per le vie della cittadina, puoi attraversale il “Mile 0” e vedere la statua degli Innamorati, ma la parte più bella è attraversare il ponte che collega queste isole… veramente emozionante.

1.isole-keys.jpg

Spero di avervi fatto vivere un po’ delle emozioni che ho provato io e che vi sia venuta voglia di fare una valigia e partire! Per qualsiasi domanda non esitate a contattarmi a lacouverturerose@gmail.com

Vi abbraccio

Sara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: